MUTUI E IMMOBILI: MERCATI E VALORI BASSI EFFETTO PRE -CRISI

Venerdì, 04 Settembre 2015
Pubblicato in News mondo immobiliare
MUTUI E IMMOBILI:  MERCATI E VALORI BASSI EFFETTO PRE -CRISI
I mercati finanziari lanciano in questo ultimo periodo segnali confortanti e positivi. Il mattone “tira” e l’effetto crisi sembra stia passando, anzi ri può ritenere con buono ottimismo che la fase critica sia ormai un brutto ricordo. Ciò è dato anche dal fatto che il valore degli immobili è sceso e di parecchio adeguandosi ai reali parametri di mercato e di potere di acquisto. I prezzi pazzi e fuori mercato devono essere un lontanto ricordo e tutti si devono adeguare. Ora parliamo anche del mercato dei mutui e del loro andamento. Se la domanda di mutui continua la sua ascesa (ad agosto la domanda di nuovi finanziamenti è cresciuta del 57,57% rispetto allo stesso mese del 2014), continua a contrarsi l’importo medio richiesto, che si è attestato a soli 120.511 Euro, il valore più contenuto da quando la rilevazione è in atto. Queste le principali evidenze che emergono dall’ultimo aggiornamento del Barometro CRIF . Ridotto il gap rispetto agli anni pre-crisi. Analizzando la dinamica in corso relativamente all’aggregato dei primi 8 mesi dell’anno appare evidente come si sia fortemente ridotto il gap rispetto agli anni pre-crisi, in un percorso di progressivo recupero che negli ultimi mesi non si è mai ridimensionato. Nel mese di agosto, però, l’importo medio richiesto ha fatto registrare una nuova contrazione, attestandosi a 120.511 Euro. Si tratta del valore medio in assoluto più contenuto da quando CRIF ha iniziato a rilevare in modo sistematico e strutturato la domanda di credito da parte delle famiglie.Importo richiesto più ridotto. La tendenza a richiedere agli istituti di credito importi contenuti è confermata anche dalla distribuzione per fascia di importo: la classe prevalente si conferma essere quella tra i 100.000 e i 150.000 Euro, con una quota pari al 30,5% del totale (in aumento rispetto al 2014), seguita da quella al di sotto dei 75.000 Euro, con il 26,3%. Piani di rimborso più lunghi. Al contempo si conferma la propensione degli italiani a richiedere piani di rimborso più lunghi nel tentativo di ridurre quanto più possibile l’incidenza delle rate sul reddito disponibile: la classe compresa tra i 15 e i 20 anni è nuovamente risultata la preferita, con una quota pari al 24,1% del totale, ma nel complesso i 2/3 delle domande si sono orientate su durate lunghe. Secondo Simone Capecchi, Direttore Sales & Marketing di CRIF , "se da un lato va guardato con ottimismo il costante recupero della domanda rispetto ai volumi pre-crisi, sostenuta dal riavvicinamento degli italiani al mercato immobiliare oltre che da un’offerta più vivace, dall’altro va sottolineato come l’importo medio stia costantemente diminuendo, spinto sia da condizioni di acquisto più favorevoli sia da perduranti elementi di prudenza derivanti dagli effetti della lunga crisi sul bilancio delle famiglie. A questo riguardo va sottolineato come solo 4 compravendite residenziali su 10 siano sostenute dall’accensione di un mutuo”.

CERCA UN IMMOBILE

Tipologia













Range prezzo

Superficie

Locali / Vani

Box / Garage

Codice

Proposte immobiliari Aversa e Agro aversano
Vendi la tua casa ad Aversa e nell'Agro aversano
Terreni edificabili Aversa e Agro aversano
Logo Finassi CenterFinassi Center Immobiliare | Viale Europa 303 | Aversa (CE)
Telefono: 081.812.3376 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Web agency Net Enjoy IT Service